colonna SINSTRA in basso
 
29/05/2018 News BCC PreAlpi
Approvato il consuntivo 2017 in assemblea dei soci con 13,3 milioni di utile netto

Banca Prealpi, una banca sempre più solidale e in sintonia con le esigenze e le richieste del territorio. Sono questi alcuni degli aspetti fondamentali emersi durante l’assemblea dei soci dell’istituto di credito cooperativo con sede a Tarzo (TV) che si è svolta oggi, domenica 27 maggio, alla Zoppas Arena di Conegliano. Presenti, a rappresentare gli oltre 9.000 soci di una realtà bancaria che annovera 41 sportelli e un’area di competenza distribuita su 120 comuni e 8 province, 1218 presenti che hanno approvato un bilancio consuntivo, quello 2017, da un utile netto di 13.317.583 euro (+54% rispetto alla gestione 2016). A relazionare sulla gestione conclusasi il 31 dicembre dello scorso anno - che ha confermato la solidità dell’istituto con indicatori della qualità del credito al di sopra della media nazionale (indici di copertura delle sofferenze pari al 69,37% e di copertura del credito deteriorato pari al 59,20%) e il patrimonio netto dell’istituto che supera i 257 milioni di euro - il Presidente Carlo Antiga e il Direttore Generale Girolamo Da Dalto, accompagnati da tutto il consiglio direttivo e dal collegio sindacale.

Banca Prealpi si conferma, tra le BCC del Triveneto, come l’istituto con più alto attivo di stato patrimoniale e anche in merito alla raccolta complessiva si trova a primeggiare nel Veneto e al di fuori dei confini regionali. La raccolta complessiva si attesta, al 31 dicembre 2017, a 3 miliardi, 102 milioni e 166 mila euro, con un incremento, rispetto al 2016, di 183 milioni (+6,27%). Importante miglioramento si è osservato nella qualità del credito con una diminuzione dei crediti deteriorati del 32%: a fine 2017 i crediti deteriorati netti costituiscono il 4,8% dei crediti verso la clientela, con un’incidenza ben inferiore alle medie nazionali. Numeri importanti per la realtà trevigiana, che vanta inoltre quasi 104.000 clienti, oltre 57.000 conti correnti e oltre 18.000 posizioni titoli.

Nel 2017 Banca Prealpi ha effettuato erogazioni liberali per complessivi 1.142.520,10 euro attraverso il Fondo per la Beneficenza e la Mutualità, che viene annualmente alimentato per decisione dell’Assemblea con la destinazione di una parte degli utili di gestione. Tra gli ambiti di intervento di maggior partecipazione si evidenziano per il 2017 lo sport giovanile e la cultura nei quali si è concentrato rispettivamente il 20,1% e il 15,9% delle risorse. Altra area di intervento rilevante è quella delle iniziative turistiche e della promozione del territorio cui è stato destinato il 10,5% del totale erogato.

“Mutualità e cooperazione sono e resteranno, anche una volta avviata l’operatività del Gruppo Bancario, i principi ispiratori dei nostri interventi nei vari ambiti di competenza: il sostegno economico ai progetti delle famiglie e delle imprese, i servizi, la beneficenza – commenta il presidente di Banca Prealpi, Carlo Antiga – un’attitudine che è nel nostro DNA e nella nostra tradizione, che intendiamo conservare e rafforzare. È infatti ferma volontà del Consiglio di Amministrazione mantenere alto il presidio della Banca a favore del nostro territorio, procedendo senza indugio per fatti concreti. Per questo, abbiamo ritenuto utile proporre un innalzamento della quota di utile destinata a beneficenza, elevandola da 1.100.000 euro dello scorso anno a 1.350.000 euro di oggi”.

Per l’anno in corso sarà confermato il kit cancelleria per le scuole del territorio. A partire dal 2016, il Consiglio di Amministrazione ha stabilito di convertire gli importi spesi annualmente per l’acquisto di gadget per i soci in kit di cancelleria e articoli di facile consumo, da regalare agli istituti scolastici del territorio di competenza che ne fanno richiesta. Nel corso del 2017, 61 scuole hanno beneficiato del materiale donato da Banca Prealpi di cui 23 site in provincia di Treviso, 19 in provincia di Belluno e 19 in provincia di Padova.

Nel 2018 nascerà anche un nuovo importante impegno per la banca di Tarzo. “Adotta un’opera d’arte” è il motto che vedrà la Prealpi donare 60.000 euro in due anni per il restauro di alcune opere d’arte nelle chiese della diocesi di Vittorio Veneto. “Vi è la decisione, condivisa e accolta favorevolmente dall’Ufficio Diocesano Conservazione Arte Sacra di farci carico del restauro di alcune “emergenze conservative” - come ad esempio l’affresco sito nella Pieve di Sant’Andrea di Bigonzo a Vittorio Veneto o, ancora, la Pala dell’Ascensione della Cattedrale. Si tratta di esempi unici e di straordinaria bellezza, per i quali abbiamo previsto un piano biennale di intervento con un investimento complessivo di circa 60.000 euro. Un progetto definito, in prima battuta e per ragioni di immediatezza di dialogo e di vicinanza, su scala locale ma che potrà essere declinato anche in altri ambiti del territorio di competenza. Infine, anticipo che abbiamo in programma, nell’ex Sede Direzionale di Tarzo, la realizzazione di una biblioteca del credito cooperativo, finalizzata alla valorizzazione dell’importante patrimonio di libri della Banca. Volumi, molti dei quali non più in circolazione, che parlano di cooperazione e del nostro territorio, descrivendolo nelle sue tante sfaccettature: l’arte, le tradizioni, il paesaggio, la storia”.

Durante l’assise è stata inoltre confermata la nomina dei due nuovi componenti del Collegio Sindacale: si tratta di Francesco Dam e Alberto Azzalini (supplente). Presente, tra gli altri, l’assessore del Comune di Conegliano, Floriano Zambon, che ha fatto un plauso alla gestione dell’istituto di credito, di cui tra l’altro è socio da anni.

colonna DESTRA
Banner piccolo bebe
Banner piccolo OOM+